sangalgano.info
Eremo di Montesiepi

Eremo di Montesiepi

L'eremo di San Galgano

La Rotonda o Eremo di Montesiepi fu costruito subito dopo la morte del Santo sopra l'antica capanna dove San Galgano visse l'ultimo anno della Sua vita.

L'Eremo fu consacrato nel 1185 dal vescovo di Volterra Ildebrando Pannocchieschi con l'imprimatur di Papa Lucio III.

Eremo di Montesiepi

Eremo di Montesiepi

Il piccolo complesso è costituito della chiesa a pianta circolare interrotta solo dal piccolo abside, la cappella con gli affreschi del Lorenzzetti e il pronao d'ingresso.

La copertura è realizzata da una bella cupola semisferica a fasce cromatiche alternate.


La cupola

Estremamente elegante è la cupola dalla costruzione fatta di le file di pietre bianche che si alternano con le file di mattoni rossi.

Noialtri nella cupola rivediamo le tombe etrusco romane di Cerveteri o Vetulonia o la tomba di Cecilia Metella sulla via Appia a Roma, ma qui siamo a San galgano sulla Merse.

La cupola

La cupola

La vera originalità della cupola risiede comunque nel fatto che dall'esterno non se ne intuisce l'esistenza.

La cupola

L'esterno della cupola

anche esternamente la copertura della cupola è realizzata da una bella cupola semisferica a fasce cromatiche alternate.


La spada

All'interno dell'Eremo, al centro della Rotonda, c'è la famosa spada di San Galgano infissa da oltre 800 anni nella roccia.

La spada nella roccia

La spada nella roccia


La cappella

La piccola cappella è postuma al resto della Rotonda essendo realizzata (e malamente legata alla Rotonda) solo nel 1340 per volere di Vanni dei Salimbeni.

Ad affrescarla fu chiamato Ambrogio Lorenzetti.

La cappella del Lorenzetti

La cappella del Lorenzetti


Orario di apertura

L'Eremo di Montesiepi è aperto tutti i giorni dalle ore 9.00 fino al tramonto con entrata gratuita.

Attenzione che, all'incirca allora del desinare (in Toscana è il pranzo), la porta di ingresso all'Eremo potrebbe essere chiusa per riaprirsi ... poi.

Ogni domenica mattina alle 11.30 si svolge la Santa Messa.


Il Santo Graal

Esiste una storia che lega San Galgano, l'Eremo di Montesiepi ed il Santo Graal.

Montesiepi è infatti uno dei (tanti) posti ove si narra che sia sepolto il Santo Graak.

Ricordiamo che il Santo Graal è od il calice usato da Gesù nell'ultima cena o la coppa usata dalla Maddalena per raccogliere il Sangue di Gesù.

E la forma della Rotonda di Montesiepi ricorda proprio quella di una coppa rovesciata.

Eremo di Montesiepi

Eremo di Montesiepi

Forse in qualche sotterraneo irrangiungibile nel 1200 fu qui nascosto il Santo Graaal e San Galgano ancora lo difende.

La leggenda vuole che per scendere a questo sotterraneo sia necessario spostare, come nel più, classico film di Indiana Jones, una pietra ... ma ancora nessuno l'ha scoperta.

Lasciando i voli di fantasia (sul Graal) e tornando alle cose terrene, per colpa, o merito, della stupidità umana, oggi, la Spada nella Roccia, è protetta da una teca antivandalo ed a prova di stupido o come si dice Noi toscani ... bischero.


sangalgano.info

Tu sei il nostro

visitatore dal 30/09/2001

oggi su acpb sono state viste

pagine

Copyright illimitato © acpb

Ti è piaciuta questa pagina?

Se "SI" votaci su Google

e per restare in contatto con noi seguici su




Torna alla Home page